PRESENTATO UN REATTORE
A FUSIONE FREDDA DA 1 KILOWATT

traduzione di XmX
rif. 150300-120402

HOME PAGE INDIETRO


L'articolo che segue è, in buona sostanza, solo un rapporto sulla dimostrazione di un esperimento di fusione fredda avvenuta al Power-Gen del '95: molto interessante, innanzitutto perchè è il racconto di controlli fatti da un ricercatore sull'esperimento di un suo collega, poi perchè rende bene l'idea dello svolgimento e delle difficoltà in un esperimento del genere.   La traduzione è mia, l'originale è qui: http://www.padrak.com/ine/rothwellcf.html



ONE KILOWATT COLD FUSION REACTOR DEMONSTRATED *

(December 5-7, 1995) by Jed Rothwell, Contributing Editor, Infinite Energy Magazine [Included on the INE Web Site with formal permission.]

Cold Fusion at Power Gen '95 in Anaheim

Last week, at the Power-Gen '95 Americas power industry trade show in Anaheim, a 1-kilowatt cold fusion reactor was demonstrated by Clean Energy Technologies, Inc. (CETI) film light water electrolytic cold fusion reactor. The cathode is composed of thousands of 1 mm diameter co-polymer beads with a flash coat of copper and multiple layers of electrolytically deposited thin film nickel and palladium. The beads are covered by three U.S. patents, with additional patents pending.
 

During this demonstration, between 0.1 and 1.5 watts of electricity was input, and the cell output 450 to 1,300 watts of heat. CETI previously demonstrated smaller cold fusion cells. In April, at the Fifth International Conference on Cold Fusion (ICCF5) they demonstrated input of 0.14 watts and a peak excess of 2.5 watts, a ratio of 1:18. In October, at the 16th biannual Symposium on Fusion Engineering (SOFE '95) they demonstrated a cell with 0.06 watts input and 5 watts peak output, a ratio of 1:83. Ratios at Power-Gen ranged from 1:1000 to 1:4000.
 
 
 
 

The ICCF5 and Power-Gen calorimeters were designed and constructed by Dennis Cravens. The SOFE '95 calorimeter was constructed by George Miley's group at the University of Illinois.
The Power-Gen cell and calorimeter are much larger than CETl's previous cold fusion demonstration devices. The cell is 10 cm long, 2.5 cm in diameter, containing roughly 40 ml of beads. Previous cells had about 1 ml of beads. The cell itself is wrapped in opaque foam plastic because the cell geometry has been improved and the improvements are not yet covered by patent applications. Other components in the calorimeter are made of clear Lucite plastic. (Photographs of the device can be found on the World Wide Web; see address below.)

The flow calorimeter reservoir held 2.5 liters and the flow rate was set between 1.0 and 1.5 liters per minute. A control cell was mounted parallel to the hot cell. The flow to both cells is regulated with precision valves. The reservoir and pump consist of a Magnum 220 aquarium pump with micron filter attachment, plus an additional Lucite cylinder built on top to hold a cooling coil, gas trap, and a muffin fan.
 

Water is circulated by a magnetic impeller pump, driven by a 50 watt motor mounted underneath. Static in-line mixers ensure mixing. (These are plastic objects about an inch long with vanes to stir the flow.)
 
 

A few weeks before the conference, Cravens decided to increase the flow rate in order to keep the temperature below 50 degrees C. The new flow rates exceed the capacity of his flow meters. He was not able to procure a bigger flow meter in time for the conference, so no flow meter was installed.
 

Flow was measured by turning stopcocks to redirect fluid from the cmll outlet tube into a graduated cylinder for 15 seconds. This test was performed many times, and the flow rate was not observed to change measurably, except when it was deliberately adjusted between runs.

The water hose from pump is coiled in air cooled box on top of reservoir. Air is drawn through box by a 3.5 watt muffin fan. Total power consumption by all components in the calorimeter including the circulation pump, the cooling fan, the cell, control cell, and DC power supplies was 85 watts.
 
 

The Delta T temperatures and reservoir temperatures are measured with K-Type thermocouples, with Omega Model HH22 Microprocessor Thermometers. Power is measured with Metex M 3800 series multimeters. The pump, muffin fan and DC power supplies electrolysis all have one common AC cord, which is monitored by a Radio Shack analog AC voltmeter and a multimeter.


The first test was marred by a mysterious malfunction in the control cell. The control cell consisted of tin plated steel shot beads, arranged as an electrochemical cathode, in the same configuration as the smaller CETI thin beads. During tests at the lab, this produced no excess heat, as expected.
 

However, during the first test at one point it appeared to be producing a Delta T temperature as high as 2.6 deg C. Assuming the flow rate and input power were stable, this would indicate a 216 watt excess. When Dennis noticed it was getting hot, he said he thought was due to a short circuit or an obstruction in the flow, or both, since a an obstruction would likely cause both problems.
 
 
 

He turned off the control cell for safety, and repaired it later on. He reported to me the next day that it was shorted; the anode and cathode had come in contact because it was plugged up. I expect this explains the apparent excess, but I do not have any detailed data or additional information on this because I was no able to observe the equipment closely when this incident occurred.

I did not verify the thermocouple temperatures, and I do not have an opportunity to note the input power levels were, what the flow rate was, or when the apparent excess began. (The incident occurred soon after I arrived. I was sitting across the room listening to the exposition.) The control cell was replaced with a joule heater for the remainder of the conference, which raised the water temperature the normal, expected amount.


Later on, in subsequent tests, I was able to observe the machine closely, and to make direct measurements of its performance with my own tools. I tested the flow rate on cold fusion cell side many times. As noted above, I did not see any measurable changes except when the flow was deliberately changed from 1,300 ml to 1,000 ml per minute by closing the valves.
 

I checked the thermocouple readings in the reservoir, inlet and outlet with two thermistors and a thermometer, and all three agreed closely with the thermocouple readings. The reservoir temperature can be taken by picking up the top and inserting the thermistor probe into the water directly.

Testing inlet and outlet temperature required a little more ingenuity. I confirmed the outlet thermocouple reading by taking a 250 ml sample of water from the outlet pipe during a flow test and immediately measuring the temperature before the sample cooled significantly.




I confirmed the cold fusion inlet temperature by turning off the control side joule heater and taking a 250 ml sample from the control outlet pipe.


Several measurement results:

Test 1, December 4, two hours
INPUT POWER Measured AC: 0.7 A * 120 V = 84 W
Electrolysis: 0.18 A * 8 V = 1.4 W
OUTPUT POWER
Flow rate 1200 ml/minute (300 ml/15 seconds)
Delta T Temperature 16 to 17 deg C 1200 ml * 16 deg C * 4.2 = 80,640 j/min = 1,344 W

Test 2, December 5, afternoon, 30 minutes.
INPUT POWER
Measured AC: 0.7 A * 140 V = 98 W
Electrolysis: 0.02 A * 3.9 V = 0.1 W
OUTPUT POWER
Flow rate 1000 ml/min (250 ml/15 seconds)
Delta T Temperature 6.7 deg C 1000 ml * 6.7 * 4.2 = 28,140 j/min = 469 W

Prototypes and consumer products CETI plans to follow up on this demonstration with demonstrations of prototype consumer products, including larger cells for space heating and heat engines. They are hard at work on these devices and they will demonstrate them as soon they can. They estimate that it will take six months to one year to make suitable prototypes.
 

CETI is now engaged in joint R&D projects with five corporate and university strategic partners, including the University of Illinois and the University of Missouri. All five have independently verified the excess heat.
 

The University of Illinois group has fabricated beads from scratch using a sputtering technique rather than electrolytic deposition. They have observed excess heat from their own beads as well as beads provided to them by CETI.


Akira Kawasaki and I took many photographs of the calorimeter. I scanned four of them, and John Logajan uploaded them in his home page:
www.skypoint.com/members/jlogajan

I will describe the Power-Gen demonstration in more detail in an upcoming issue of "Infinite Energy" magazine.

Jed Rothwell, Contributing Editor Eugene F. Mallove, Sc.D.,
Editor-in-Chief INFINITE ENERGY:
Cold Fusion and New Energy Technology
P.O. Box 2816 Concord, NH 03302-2816
Fax: 001 (603) 224 5975
Phone: 001 (603) 228 4516

* Published in the Proceedings of: Neue Horizonte in Technik und Bewusstsein
VortrŠge des Kongresses 1995 im Gwatt-Zentrum am Thunersee Adolf und Inge Schneider (Hrsg.)
Bern: Jupiter-Verlag A.+l. Schneider, 1996
ISBN 3-906571-14-9

PRESENTATO UN REATTORE A FUSIONE FREDDA DA UN KILOWATT *

(5-7 Dicembre 1995) di Jed Rothwell, Contributing Editor, Infinite Energy Magazine [Incluso sul sito Web INE con permesso formale.]

Fusione fredda al Power-Gen '95 di Anaheim

La settimana scorsa, al Power-Gen ' 95 (esposizione delle industrie energetiche) ad Anaheim, da Clean Energy Technologies, Inc. (CETI) è stato presentato un reattore a fusione fredda da 1 kilowatt, col reattore a fusione fredda su film elettrolitico in acqua leggera. Il catodo è composto di migliaia di sferette di 1 mm di diametro di co-polimero con un sottile rivestimento, depositato elettroliticamente, di strati multipli di rame, nichelio e palladio. Le sferette sono coperte da tre brevetti Americani, con brevetti supplementari in corso.

Durante questa dimostrazione, sono stati immessi fra 0.1 e 1.5 watt di elettricità, e la produzione in uscita della cella è stata da 450 a 1,300 watt in calore. Precedentemente CETI aveva mostrato celle a fusione fredda più piccole. Ad Aprile, alla Quinta Conferenza Internazionale sulla Fusione Fredda (ICCF5) dimostrarono un entrata di 0.14 watt e un'eccedenza con picco di 2.5 watt, con un rapporto di 1:18. Ad Ottobre, alla sedicesima biennale Symposium on Fusion Engineering (SOFE '95) è stata dimostrata una cella con 0.06 watt in entrata e 5 watt di produzione, con un rapporto di 1:83. Il rapporto al Power-Gen è stato da 1:1000 a 1:4000.

I calorimetri al ICCF5 e al Power-Gen sono stati progettati e costruiti da Dennis Cravens. Il calorimetro del SOFE ' 95 è stato costruito dal gruppo di George Miley all'Università di Illinois. La cella e il calorimetro Power-Gen sono molto più grandi delle precedenti apparecchiature di dimostrazione di fusione fredda del CETl. La cella è lunga 10 cm, con 2.5 cm di diametro, e contiene circa 40 ml di perline. Le celle precedenti avevano circa 1 ml di perline. La cella stessa è avvolta in schiuma opaca plastica perchè la geometria della cella è stata migliorata e i miglioramenti non sono stati ancora brevettati. Gli altri componenti nel calorimetro sono fatti di Lucite plastica trasparente. (Fotografie del dispositivo possono essere trovate su Internet; vedi indirizzo sotto.)

Il serbatoio del calorimetro di flusso è di 2.5 litri, e il flusso è regolato tra 1.0 e 1.5 litri per minuto. Una cella di controllo è stata montata in parallelo alla cella calda. Il flusso di entrambe le celle è regolato con valvole di precisione. Il serbatoio e la pompa consistono in una pompa da acquario Magnum 220, con annesso microfiltro, più, in cima, un contenitore cilindrico supplementare di Lucite con uno scambiatore di calore, una trappola per il gas, e una ventola.

L’acqua è fatta circolare da una pompa magnetica, azionata da un motore da 50 watt montato sotto. Miscelatori lineari statici assicurano la miscelazione. (Questi sono oggetti plastici lunghi circa un pollice con alette per rimescolare il flusso.).

Qualche settimana prima della conferenza, Cravens ha deciso di aumentare il flusso per mantenere la temperatura sotto i 50 gradi C, ma il nuovo flusso eccedeva la capacità del suo strumento. Egli non è stato in grado di procurare un flussometro più grande in tempo per la conferenza, così nessun flussometro è stato installato.

Il flusso è stato misurato girando i rubinetti d'arresto per deviare il fluido dall’uscita della cella in un cilindro graduato per 15 secondi. Questa prova è stata eseguita molte volte, e il flusso non è stato visto cambiare misurabilmente, tranne quando è stato regolato intenzionalmente.

Il tubo dell’acqua proveniente dalla pompa è avvolto in una scatola raffreddata ad aria, sul serbatoio. L’aria è spinta attraverso la scatola da un ventilatore da 3.5 watt. Il consumo totale di tutti i componenti nel calorimetro, incluso la pompa di circolazione, il ventilatore di raffreddamento, la cella, la cella di controllo, e l’alimentatore in corrente continua, era di 85 watt.

La temperatura Delta T e le temperature del serbatoio sono state misurate con termocoppie K-Type, con termometri a microprocessore Omega Model HH22. La potenza è stata misurata con multimetri della serie Metex M 3800. La pompa, la ventola e l’alimentatore DC che alimenta l’elettrolisi, tutti hanno una alimentazione AC in comune, monitorata da un voltmetro AC analogico Radio Shack e da un multimetro.

Il primo test è stato rovinato da un misterioso malfunzionamento nella cella di controllo. La cella di controllo consisteva di una scatola di lamiera di acciaio con le perline usate come un catodo elettrochimico, nella stessa configurazione rada di perline del CETI. Durante i test al laboratorio, questo non ha prodotto l’eccesso di calore atteso.

Tuttavia, durante il primo test, ad un certo punto, è apparsa una produzione di temperatura Delta di T di 2.6 gradi C. Assumendo che il flusso e la potenza in entrata fossero stabili, questo indicherebbe una eccedenza di 216 watt. Quando Dennis notò che stava ottenendo calore, pensò che fosse dovuto a un corto circuito o un'ostruzione nel flusso, o ambedue, poichè una ostruzione avrebbe causato probabilmente entrambi i problemi.

Spense la cella di controllo per sicurezza, ed eseguì la riparazione più tardi. Il giorno dopo mi disse che l'anodo e il catodo erano entrati in contatto. Io credo che questo possa spiegare l'apparente eccedenza, ma non ho dati dettagliati o altre informazioni su questo perchè non ho potuto osservare l'equipaggiamento da vicino quando l’incidente è accaduto.

Non ho verificato le temperature della termocoppia, e non ho avuto modo di fare attenzione ai livelli di potenza in entrata, quale fosse il flusso, o quando l’apparente eccedenza fosse cominciata. (L'incidente accadde subito dopo il mio arrivo, stavo attraversando la stanza e ascoltando l'esposizione.) La cella del controllo fu sostituita per il resto della conferenza con un riscaldatore joule, il quale elevò la temperatura di acqua al valore atteso.

Più tardi, nelle prove seguenti, ho potuto osservare la macchina da vicino, e fare misurazioni dirette delle sue prestazioni coi miei strumenti. Ho misurato il flusso su lato della cella a fusione fredda molte volte. Come ho detto prima, non ho visto alcun cambiamento misurabile tranne quando il flusso è stato cambiato intenzionalmente da 1,300 ml a 1,000 ml per minuto, chiudendo le valvole.

Ho controllato le letture della termocoppia nel serbatoio, in ingresso e in uscita con due termistori e un termometro, e tutti e tre concordavano con le letture della termocoppia. La temperatura del serbatoio può essere presa aprendo il coperchio e inserendo direttamente la sonda del termistore nell'acqua.

La misurazione della temperatura di ingresso e di uscita hanno richiesto un poco più di ingegnosità. Ho confermato la lettura della termocoppia in uscita prendendo un campione di 250 ml di acqua dal tubo di sbocco durante un test di flusso e misurando immediatamente la temperatura prima che il campione si raffreddasse significativamente.

Ho confermato la temperatura in entrata nella fusione fredda spegnendo il riscaldatore joule dal lato del controllo e prendendo un campione di 250 ml dal tubo di sbocco.

Le diverse misure risultano:

Test 1, 4 Dicembre, due ore
POTENZA IN INGRESSO
misura AC: 0.7 A * 120 V = 84 W
Elettrolisi: 0.18 A * 8 V = 1.4 W
POTENZA IN USCITA
Flusso 1200 ml/minuto (300 ml/15 secondi)
Temperatura Delta T da 16 a 17 gradi C 1200 ml * 16 gradi C * 4.2 = 80,640 j/min = 1,344 W

Test 2, 5 Dicembre, pomeriggio, 30 minuti.
POTENZA IN INGRESSO
Misura AC: 0.7 A * 140 V = 98 W
Elettrolisi: 0.02 A * 3.9 V = 0.1 W
POTENZA IN USCITA
Flusso 1000 ml/min (250 ml/15 secondi)
Temperatura Delta T 6.7 gradi C 1000 ml * 6.7 * 4.2 = 28,140 j/min = 469 W


Prototipi e prodotti di consumo:
CETI progetta di far seguire a questa dimostrazione altre dimostrazioni di prototipi di prodotti di consumo, includendo grandi celle per il riscaldamento dello spazio e motori a calore. Sono duramente al lavoro su queste apparecchiature e le dimostreranno appena possibile. Essi stimano da sei mesi a un anno il tempo necessario per realizzare i prototipi appropriati.

CETI ora è impegnato in progetti di R&D uniti con cinque società e università come partner strategici, incluso l'Università dell’Illinois e l'Università del Missouri. Tutti e cinque hanno verificato indipendentemente il calore in eccedenza.

Il gruppo dell'Università dell’Illinois ha fabbricato perline scolpite, usando una tecnica a spruzzamento piuttosto che a deposizione elettrolitica. Essi hanno osservato il calore in eccedenza dalle loro perline così come dalle perline fornite loro da CETI.

Akira Kawasaki e io abbiamo fatto molte foto del calorimetro. Ne ho analizzate quattro, e John Logajan le ha pubblicate nella sua home page:
www.skypoint.com/members/jlogajan

Descriverò la dimostrazione del Power-Gen più in dettaglio in un imminente articolo sul periodico "Infinite Energy".

Jed Rothwell, Contributing Editor Eugene F. Mallove, Sc.D.,
Editore Capo di INFINITE ENERGY:
Cold Fusion and New Energy Technology
P.O. Box 2816
Concord, NH 03302-2816
Fax: 001 (603) 224 5975
Telefono: 001 (603) 228 4516

* Pubblicato nei Proceedings of: Neue Horizonte in Technik und Bewusstsein
VortrŠge des Kongresses 1995 im Gwatt-Zentrum am Thunersee
Adolf und Inge Schneider (Hrsg.)
Bern: Jupiter-Verlag A.+l. Schneider, 1996
ISBN 3-906571-14-9

Se questa pagina ti è piaciuta,
per favore clicca qui...



HOME PAGE INDIETRO SU
@ per scriverci clicca qui.