la FAQ sulla fusione fredda
parte II
traduzione di XmX
rif. 150300-270401
HOME PAGE INDIETRO PAG. PRECEDENTE


[...continuing from previous page]

Which laboratories are getting positive results?

Several hundred laboratories around the world have obtained positive cold fusion results. A partial list, which appeared in Fire from Ice in 1991, is already outdated.

In the spring of 1991, a conference in the former Soviet Union revealed many more positive results; at the Second Annual Conference on Cold Fusion held in Como, Italy, in July 1991, much more positive evidence for cold fusion emerged. At the Third International Conference on Cold Fusion in October, 1992, the evidence became completely overwhelming. At the Fourth International Conference on Cold Fusion (Maui, December, 1993), the field blossomed in many new directions: new methods of generating excess power, and new observations - especially the apparent transmutation of heavy elements at low-energy. Research facilities reporting important cold fusion results include:

 

  Electric Power Research Institute (EPRI)/Stanford Research Institute (SRI) Los Alamos National Laboratory
Oak Ridge National Laboratory
Naval Weapons Center at China Lake
Naval Research Laboratory
Naval Ocean Systems Center
Texas A&M University
California State Polytechnic University
ENECO, Salt Lake City
Hokkaido National University
ENEA (Italy)
National Institute for Nuclear Physics (Italy)
Osaka National University
National Institute for Fusion Science, Nagoya
Tokyo Institute of Technology
Bhabha Atomic Research Centre, Bombay, India
Technova Corporation
IMRA Corporation
NTT (Nippon Telephone and Telegraph company)
E-Quest Sciences (California)
Shell Recherche SA (France)
Tsinghua University (China)
University of Illinois at Urbana
Many other private research laboratories in the U. S. and abroad.

Who is funding cold fusion research and development?

Major financial support for cold fusion research comes from these sources:

The public announcement in December 1993 that ENECO, a Salt Lake City-based corporation, had acquired world-wide licensing rights to the University of Utah's cold fusion patents is further indication of the increasing corporate interest in cold fusion R&D. ENECO has now become one of the top funders of cold fusion research in the United States and abroad.

The Ministry of Education, Government of Japan. Research is coordinated through Japan's National Institute for Fusion Science, in Nagoya, and conducted in National University Laboratories. The Ministry of Education spends $15 to $20 million per year on cold fusion.

In the Autumn of 1991, the Ministry of International Trade and Industry organized a research consortium of ten major Japanese corporations to advance research in cold fusion. Prior to this, only the Ministry of Education was involved in this research. This consortium is called "The New Hydrogen Energy Panel" (NHEP). In the spring of 1992, as the activities of the Panel became widely known, Japanese newspapers reported that five other major Japanese corporations asked to be included.

 

 

In mid-1992, MITI announced a four-year, three billion yen ($24 million) program to advance cold fusion research. This money was to be spent on special expenses within the national laboratories, such as travel and extra equipment purchases beyond the usual discretionary levels. That sum does not include the money, salaries and overhead, which come out of separate budgets, and it does not count any research in the private sector, which we know to be substantial. In fact, the corporate members are expected to contribute at least $4 million more to the fund, for a total of $28 million. Both MITI and NHEP members emphasize that this fund is flexible, and can be expanded. The present annual expenditure in Japan on cold fusion is estimated to approach $100 million. This will clearly rise dramatically as technological devices begin to emerge.

The Electric Power Research Institute (EPRI), Palo Alto, CA., (the $500-million/year research arm of the U.S. electric utility industry) had spent as of the end of 1991 $6 million on cold fusion, and had budgeted as of January, 1992 $12 million. The EPRI program continues to spend several million dollars per year. EPRI's sponsorship of the Fourth International Conference on Cold Fusion (December, 1993) means that this powerful research organization is in the field to stay.

 

What about the ordinary water - non-heavy water - cold fusion experiments that I have heard about?

These ordinary water experiments were first reported in May, 1991 and have since been widely reproduced - in Japan, India, and in the United States. Dr. Randell Mills of Hydrocatalysis Power Corporation, of Lancaster, PA, whose heat-producing experiments with cells with ordinary water, potassium carbonate electrolyte and nickel cathodes are increasingly highly regarded in the cold fusion field. Dr. Mills made a presentation at the May 5, 1993 Congressional hearing before the House Science, Space, and Technology Committee. Mills's opening remarks concisely summarized what the important Lancaster, PA effort is all about:

Hydrocatalysis Power Corporation (HPC) has an extensive and experimental research program of producing energy from light-water electrolytic cells. HPC and Thermacore, Inc., Lancaster, PA arm cooperating in developing a commercial product. (Thermacore is a well-respected defense contractor and its expertise is in the field of heat transfer.). Presently, all of the demonstration cells of HPC and Thermacore produce excess power immediately and continuously. Cells producing 50 watts of excess power and greater have been in operation for more than one year. Some cells can produce 10 times more heat power than the total electrical power input to the cell. A steam-producing prototype cell has been successfully tested ... The [original] experiment has been scaled up by a factor of one-thousand, and the scaled-up heat cell results have been independently confirmed by Thermacore, Inc. Patents covering the composition of matter, structures, and methods of the HydroCatalysis process have been filed by HPC worldwide with a priority date of April 32, 1989. HPC and Thermacore are presently fabricating a steam-producing demonstration cell.

 

 

What does Dr. Mills think is behind this ordinary water energy source?

Dr. Mills and his colleges believe that the energy source in their ordinary water experiments is technologically extremely potent, but they have adopted a radical theory to explain the excess heat. Dr. Mill says that the source of excess energy is related in a catalytic process whereby the electron of the hydrogen atom is induced to undergo a transition to a lower electronic energy level than the "ground state" as defined by the usual quantum-mechanical model of the atom. Thus, stored energy in the atoms is catalytycally released. Mill views many of the nuclear effects in "cold fusion" to be real effects, which he thinks can be explained by his theory.

Are cold fusion experiments generally reproducible?

Cold fusion effects have not always been easy to reproduce, but that does not make them any less real. The difficulties with reproducibility, however, are rapidly disappearing as researchers discover the conditions required to provoke the phenomena, such as sufficient deuterium loading of metal lattices, specific metallurgical requirements, and peculiar triggering mechanisms. Some experimenters now report very regular appearances of cold fusion phenomena, such as neutron bursts, tritium production, and excess power as exhibited by heating and even boiling.

 

 

Critics of cold fusion research have regularly dismissed positive results simply because the effects have not always been repeatable. This is a remarkably naive view! Of course there are many natural phenomena that are highly erratic, not repeatable, and definitely not predictable, such as meteorite falls, lightning strikes, earthquakes, and the elusive "ball lighting". There are also a host of modern technical devices that will not function if subtle, sometimes poorly understood composition parameters are asked; semiconductor electronic devices are good examples of this. It is nor surprising that the exotic cold fusion phenomena are subject to similar difficulties.

What about the experiments of Caltech, MIT, and Harwell that supposedly found no excess heat in 1989? Aren't these very damning to the cause of cold fusion?

It is shocking but true, but in the case of three major research groups that had supposedly negative results in the spring and summer of 1989 - Caltech, the Harwell Laboratory in England, and MIT - there now appear to be significant questions about their work, which have not been addressed by the scientific community. Three scientist have found simple algebraic and other fundamental experimental errors in the Caltech work, which invalidate the paper's negative conclusions. These scientists wrote many times to Nature magazine, but Nature refused to publish these corrections, so a critique was published in Fusion Technology. In the MIT Plasma Fusion Center case, serious questions about the methods used to evaluate excess heat results have arisen. The unpublished data appear to show indications of excess heat, but the published version does not show these indications. Furthermore, analysis of the methodology employed by this group revealed fatal flaws - even if the data had properly handled. A technical discussion of the 1989 MIT Plasma Fusion Center cold fusion calorimetry appeared in Fusion Facts, August, 1992, authored by Dr. Mitchell R. Swartz. In the case of the widely-touted and supposedly completely "negative" Harwell Laboratory (U.K.) calorimetry results, independent analysis of that laboratory's raw data show evidence of excess heat production. The details of the Harwell Laboratory problems have now been published in both the Third and Fourth International Conference on Cold Fusion Proceedings dings.

 

 

Do we need to understand cold fusion to begin to develop it commercially?

When conventional (low temperature) superconductivity was discovered accidentally in 1911, there was no physical theory that could explain it, nor was there any such theory for about the next half century. The much discussed high-temperature superconductivity, which appeared in 1986-1987, still has no satisfactory theory to account for it. Yet industries and governments are bent on developing and commercializing it. The same should be true for cold fusion. However, because cold fusion seems to be an even more radical departure from conventional physics wisdom than thigh temperature superconductivity, and because of the past reproducibility problems of cold fusion, the latter has not been accepted as readily as high-temperature superconductivity.

 

Is there a future of cold fusion?

Cold fusion research is not "Big Science" - it does not need massive installations, just relatively small-scale dedicated work at national laboratories, universities, and in private industries, which are already beginning to enter the field in the U.S., despite discouragement from officialdom. Cold fusion does, however, require the talents of top scientists and engineers, combined with sophisticated analytical instrumentation. The federal laboratories are well-equipped to support cold fusion research. They arm floundering in search of a new mission. Cold fusion research well become a major mission for scientists at these laboratories.

Cold fusion development will dominantly be the territory for private industry. There is no need for massive government investment. But government must smooth the path for private efforts. It is really possible that a revolutionary energy technology has been inappropriately cast aside in the U.S? That is exactly what has happened, as scientific and engineering developments will show. This need not be true any longer. For the economic and environment well-being of the nation and the world, every citizen must become aware of the facts about cold fusion and help encourage funding for American and orld-wide research.

Probably the most difficult hurdle in trying to come to terms with cold fusion is that it seems too fantistic scientifically, and "too good to be true" economically and socially. But the same could have been and was said about many other technological revolutions as they began to happen. Kold fusion and allied discoveries will likely revolutionize the world in ways we can barely begin to imagine. We believe that before the year 2000 there will be cold fusion powered automobiles, home heating systems, small compact electrical generating units, and aerospace applications. These technologies will revolutionize the world as they speed the end of the Fossil Fuel Age. The stakes have never been higher. We should remember the sentiment of the famous scientist, Michael Faraday, in the last century, to whom we owe our revolutionary electrically powered civilization. He wrote "Nothing is to wonderful to be true".



 

 

Send a comment to Dr. Mallove, 76570.227@compuserve.com

* Published in the Proceedings of:
Neue Horizonte in Technik und Bewusstsein
VortrŠge des Kongresses 1995 im Gwatt-Zentrum am Thunersee
Adolf und Inge Schneider (Hrsg.)
Bern: Jupiter-Verlag A.+l. Schneider, 1996 ISBN 3-906571-14-9

[...continua dalla pag. precedente]

Quali laboratori stanno ottenendo risultati positivi?

Diverse centinaia di laboratori nel mondo hanno ottenuto risultati positivi sulla fusione fredda. Un elenco parziale che apparve in "Fire from Ice" nel 1991 è già antiquato.

Nella primavera del 1991 una confermnza nella vecchia Unione Sovietica rivelò risultati molto più positivi; alla Seconda Conferenza Annuale sulla Fusione Fredda tenuta a Como, in Italia nel Luglio 1991, è emersa una evidenza molto più positiva per la fusione fredda. Alla Terza Conferenza Internazionale sulla Fusione Fredda nell’Ottobre1992 l'evidenza fu assolutamente completa. Alla Quarta Conferenza Internazionale su Fusione Fredda (Maui, Dicembre 1993), il campo fiorì in molte nuove direzioni: nuovi metodi di generare calore in eccedenza, e nuove osservazioni - specialmente la apparente tramutazione a bassa energia di elementi pesanti. Centri di ricerca che riportano importanti risultati sulla fusione fredda includono:

Electric Power Research Institute (EPRI)/Stanford Research Institute (SRI)
Los Alamos National Laboratory
Oak Ridge National Laboratory
Naval Weapons Center at China Lake
Naval Research Laboratory
Naval Ocean Systems Center
Texas A&M University
California State Polytechnic University
ENECO, Salt Lake City
Hokkaido National University
ENEA (Italia)
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Italia)
Osaka National University
National Institute for Fusion Science, Nagoya
Tokyo Institute of Technology
Bhabha Atomic Research Centre, Bombay, India
Technova Corporation
IMRA Corporation
NTT (Nippon Telephone and Telegraph company)
E-Quest Sciences (California)
Shell Recherche SA (Francia)
Tsinghua University (Cina)
University of Illinois at Urbana
Molti altri laboratori di ricerca privati negli USA e all'estero.

Chi sta finanziando la ricerca e lo sviluppo della fusione fredda?

Il maggiore appoggio finanziario per la ricerca sulla fusione fredda viene da queste fonti:

L'annuncio pubblico al Dicembre 1993 che ENECO, una società per azioni di Salt Lake City, aveva acquisito su scala mondiale i brevetti sulla fusione fredda concedendoli all'Università dell’Utah, è una ulteriore indicazione dei crescenti interessi costituiti sulla fusione fredda. ENECO è ora divenuto uno dei massimi finanziatori della ricerca sulla fusione fredda negli Stati Uniti e all'estero.

Ministero dell’Istruzione, Governo del Giappone. La ricerca è coordinata attraverso l'Istituto Nazionale Giapponese per la Scienza della Fusione, a Nagoya, ed è condotta nei Laboratori dell’Università Nazionale. Il Ministero dell’Istruzione investe da 15 a 20 milioni di dollari all’anno sulla fusione fredda.

Nell'Autunno di 1991, il Ministero del commercio Internazionale e dell’Industria ha organizzato un consorzio di ricerca fra le dieci miggiore società per azioni giapponesi per far avanzare la ricerca sulla fusione fredda. Prima di ciò, solo il Mini{tero dell’Istruzione era stato coinvolto in questa ricerca. Questo consorzio è chiamato "The New Hydrogen Energy Panel" (NHEP). Nella primavera del 1992, quando l’attività del Panel divenne ampiamente nota, i giornali giapponesi riportarono che cinque fra le altre maggiori società per azioni giapponesi avevano chiesto di essere incluse.

A metà del 1992, MITI annunciò un programma quadriennale da tre miliardi di Yen (24 milioni di dollari) per far avanzare la ricerca sulla fusione fredda. Questi soldi sarebbero stati suddivisi per spese speciali fra i laboratori nazionali, come viaggi e equipaggiamento addizionale, acquistati oltre i livelli discrezionali soliti. Quella somma non include il denaro - salari e altro - che viene in bilanci separati, e non comprende qualsiasi ricerca nel settore privato che noi sappiamo essere cospiqui. Infatti, i soci si sono impegnati ad offrire al fondo almeno 4 milioni di dollari, per un totale di 28 milioni. Sia il MITI che i membri del NHEP, sottolineano che questo fondo è flessibile, e può essere espanso. La attuale spesa annuale del Giappone sulla fusione fredda è stimata vicino ai 100 milioni di dollari. Questo diverrà drammaticamente evidente quando le apparecchiature tecnologiche cominceranno ad emergere.

L’Electric Power Research Institute (EPRI), di Palo Alto, CA., (braccio della ricerca dell'industria elettrica USA da 500 milioni di dollari annui) aveva speso alla fine del 1991 6 milioni di dollari sulla fusione fredda, e aveva investito al Gennaio 1992 12 milioni di dollari. Il programma di EPRI continua a spendere diversi milioni di dollari per anno. La sponsorizzazione di EPRI della Quarta Conferenza Internazionale sulla Fusione Fredda (Dicembre, 1993) indica che questa potente organizzazione di ricerca è scesa in campo per rimanerci.

Cosa si sa degli esperimenti di fusione fredda con acqua normale – non acqua pesante - dei quali ho sentito parlare?

Questi esperimenti con acqua normale furono riportati nel Maggio 1991 da allora sono stati riprodotti estesamentm - in Giappone, India, e nei Stati Uniti. Il Dr. Randell Mills della Hydrocatalysis Power Corporation, di Lancaster, PA, ha condotto esperimenti con produzione di calore in celle con acqua normale, elettrolita di carbonato di potassio e catodi di nichelio, sempre più considerati nel campo della fusione fredda. Il Dr. Mills ha tenuto una presentazione il 5 Maggio 1993 al Congresso della House Science, Space, and Technology Committee. L’esordio di Mills riassume concisamente l’importante sforzo del Lancaster, PA :

Hydrocatalysis Power Corporation (HPC) ha un esteso programma di ricerca sperimentale per produrre energia da celle elettrolitiche di acqua "leggera". HPC e Thermacore, Inc., Lancaster, PA stanno cooperando per sviluppare un prodotto commerciale. (Thermacore è una stimata impresa della difesa e la sua competenza è nel campo del trasferimento di calore.). Al momento, tutte le celle dimostrative di HPC e Thermacore producono eccesso di calore immediato e continuo. Celle che producono 50 watt di potenza in eccesso e anche più sono state in attività per più di un anno. Alcune celle possono produrre 10 volte più potenza in calore rispetto alla potenza in ingresso. Un prototipo di cella producente vapore è stata testata con successo... L’esperimento [originale] è stato potenziato di un fattore di uno a mille, e i risultati della cella di calore potenziata sono stati confermati indipendenteménte da Thermacore, Inc. I brevetti che coprono la composizione dei materiali, le strutture, e i metodi del processo di HydroCatalysis sono stati registrati da HPC su base mondiale con data prioritaria del 32 Aprile 1989 [32 ? NdT]. HPC e Thermacore stanno fabbricando al momento una cella dimostrativa che produce vapore.

Il Dott. Mills cosa pensa ci sia dietro questa fonte di energia da acqua normale?

Il Dr. Mills e la sua scuola ritengono che la fonte di energia nei loro esperimenti da acqua normale sia tecnologicamente quanto mai forte, ma hanno adottato una teoria radicale per spiegare il calore in eccedenza. Il Dott. Mill dice che la fonte di energia in eccedenza è simile id un processo catalitico nel quale l'elettrone dell'atomo di idrogeno è indotto a subire una transizione a un minore livello di energia rispetto al "ground-state" definito dal solito modello quantistico dell'atomo. Così, l’energia immagazzinata negli atomi è rilasciata cataliticamente. Mills vede che molti degli effetti nucleari nella "fusione fredda" sono effetti reali, che egli pensa possano essere spiegati dalla sua teoria.

Gli esperimenti di fusione fredda sono generalmente riproducibili?

Gli effetti della fusione fredda non sempre sono facili da riprodurre, ma non per questo sono meno veri. Le difficoltà con la riproducibilità, comunque, sta rapidamente scomparendo man mano che i ricercatori scoprono le condizioni richieste per provocare il fenomeno, come un caricamento sufficiente di deuterio nel reticolo metallico, specifiche condizioni del metallo stesso, e i particolari dei meccanismi di innesco. Alcuni sperimentatori ora riportano la comparsa molto regolare dei fenomeni di fusione fredda, come emissione di neutroni, produzione di trizio, e calore in eccedenza come dimostrato dal riscaldamento fino alla ebollizione.

Gli scettici della ricerca sulla fusione fredda hanno regolarmente respinto i risultati positivi semplicemente perché gli effetti non sempre sono stati ripetibili. Questa è una opinione molto semplicistica! Ci sono chiaramente molti fenomeni naturali che sono estremamente irregolari, non ripetibili, e definitivamente non prevedibili, come fulmini, caduta di meteoriti, terremoti, e gli elusivi "fulmini globulari". Sappiamo di molti moderni dispositivi tecnici che non funzioneranno se non sono ben compresi i delicati parametri richiesti; i dispositivi elettronici a semiconduttori sono buoni esempi di questo. Non sorprende che l’esotico fenomeno della fusione fredda sia soggetto a difficoltà simili.

Che dire a proposito degli esperimenti del 1989 di Caltech, del MIT e di Harwell, che supposero non esserci calore in eccedenza? Non è questo molto dannoso alla causa della fusione fredda?

Il caso di tre fra i maggiori gruppi di ricerca che avevano supposto risultati apparentemente negativi nella primavera e nell’estate del 1989 - Caltech, l’Harwell Laboratory in Inghilterra e il MIT - è sconcertante ma vero: ora emergono dubbi importanti circa il loro operato, che non sono stati indirizzati alla comunità scientifica. Il terzetto di scienziati ha trovato semplici errori algebrici e altri fondamentali errori sperimentali nelle opere di Caltech, che invalidano le conclusioni negative sulla carta. Questi scienziati scrissero molte volte al periodico Nature, ma Nature rifiutò di pubblicare queste correzioni, così un articolo fu pubblicato su "Fusion Technology". Nel caso del Plasma Fusion Center del MIT, sono sorti seri dubbi circa i metodi usati per valutare l’eccedenza di calore che i risultati avevano presentato. I dati inediti appaiono mostrare indicazioni di calore in eccedenza, ma la versione pubblicata non mostra queste indicazioni. Inoltre, l’analisi della metodologia adottata da questo gruppo rivelò vizi fatali – anche se i dati erano stati trattati propriamente. Una discussione tecnica del 1989 del MIT Plasma Fusion Center sulla calorimetria nella fusione fredda apparve in "Fusion Fact" nell’Agosto del 1992, autore il Dr. Mitchell R Swartz. Nel caso dei risultati presunti completamente "negativi" della calorimetria dell’Harwell Laboratory (U.K.), l’analisi indipendente dei dati grezzi di quel laboratorio mostra l’evidenza di produzione di calore in eccedenza. I dettagli sui problemi dell’ Harwell Laboratory sono ora stati pubblicati su entrambi i verbali della Terza e della Quarta Conferenza Internazionale sulle Attività nella Fusione Fredda.

Abbiamo bisogno di capire la fusione fredda per cominciare a svilupparla commercialmente?

Quando la superconduttività convenzionale (a bassa temperatura) fu scoperta accidentalmente nel 1911, non c'era nessuna teoria fisica che potesse spiegarla, né ci fu alcuna teoria per circa il mezzo secolo successivo. La molto discussa superconduttività ad alta temperatura che apparve nel 1986-1987, ancora non ha una teoria soddisfacente per giustificarla. Nonostante ciò, industrie e governi si sono dedicati a svilupparla e commercializzarla. Lo stesso dovrebbe essere vero per la fusione fredda. Comunque, sia perché la fusione fredda sembra essere una deviazione ancora più integrale dalla saggezza fisica convenzionale in confronto alla superconduttività ad alta temperatura, sia per i passati problemi di riproducibilità della fusione fredda, questa non è stata accettata prontamente come la superconduttività ad alta temperatura.

C'è un futuro di fusione fredda?

La ricerca sulla fusione fredda non è "Grande Scienza" - non ha bisogno di installazioni massicce, solo lavoro assiduo su scala relativamente piccola nei laboratori nazionali, nelle università e nelle industrie private, le quali già stanno cominciando a scendere in campo negli USA, nonostante lo scoraggiamento da parte della burocrazia. La fusione fredda comunque, richiede il talento dei migliori scienziati e ingegneri, assieme a sofisticata strumentazione di analisi. I laboratori federali sono ben attrezzati per la ricerca sulla fusione fredda. Alcuni sono frementi, in cerca di una nuova missione: la ricerca sulla f}sione fredda ben diventa una importante missione per gli scienziati di questi laboratori.

Lo sviluppo della fusione fredda sarà un territorio dominato dall’industria privata. Non c’è bisogno di massicci investimenti statali. Ma il governo deve spianare il percorso agli sforzi privati. È veramente possibile che una tecnologia energetica rivoluzionaria è stata gettata inopportunatamente da parte nell'U.S? Questo è esattamente quanto accaduto, come lo sviluppo scientifico e tecnico mostreranno. Non sarà così ancora per molto. Per benessere economico e ambientale della nazione e del mondo, ogni cittadino deve divenire consapevole dei fatti sulla fusione fredda e aiutare e incoraggiare il finanziamento della ricerca americana e mondiale.

Probabilmente la maggiore difficoltà nello "scendere a patti" con la fusione fredda è che sembra scientificamente troppo fantastica, e "troppo bella per essere vera" economicamente e socialmente. Ma lo stesso sarebbe potuto essere detto - e fu detto - di molte altre rivoluzioni tecnologiche al loro apparire. La fusione fredda e le scoperte affini probabilmente rinnoveranno radicalmente il mondo in modi che noi possiamo appena cominciare ad immaginare. Noi crediamo che prima del 2000 ci sarà la fusione fredda nelle automobili, nel riscaldamento domestico, in piccoli e compatti generatori elettrici, e nelle applicazioni aerospaziali. Queste tecnologie rinnoveranno radicalmente il mondo e porteranno rapidamente alla fine dell'Era del Combustibile di Fossile. La posta non è mai stata così alta. Noi dovremmo ricordare il pensiero del famoso scienziato Michael Faraday nell'ultimo secolo - al quale dobbiamo la nostra rivoluzionaria civiltà alimentata elettricamente - che scrisse "Nulla è troppo meraviglioso per essere vero."

Invia un commento al Dr. Mallove, 76570.227@compuserve.com

* Pubblicato nel lavoro:
Neue Horizonte in Technik und Bewusstsein
VortrŠge des Kongresses 1995 im Gwatt-Zentrum am Thunersee
Adolf und Inge Schneider (Hrsg.)
Bern: Jupiter-Verlag A.+l. Schneider, 1996 ISBN 3-906571-14-9

 

Se questa pagina ti è piaciuta,
per favore clicca qui...



HOME PAGE INDIETRO PAG. PRECEDENTE SU
@ per scriverci clicca qui.